Il 4 novembre 2021 si celebrerà definitivamente il centenario dell’inumazione del Milite Ignoto al Vittoriano, a Roma.

In concomitanza con questa importantissima ricorrenza, il Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia in collaborazione con vari enti fra cui il ministero della difesa, ha varato l’iniziativa “Milite Ignoto, Cittadino d’Italia”, che intende onorare la memoria del Milite Ignoto e di tutti coloro che caddero su tutti i fronti in cui fu impegnato il Regno d’Italia fra il 1915 e il 1918.

Questa iniziativa intende ripercorrere il tragitto che fece l’anonima salma nel 1921, quando, dopo che fu prelevata da un cimitero militare ad Aquileia, giunse a Roma con un lungo viaggio in treno, ricevendo gli onori e gli ossequi di numerosissimi italiani accorsi alle tappe del convoglio, per poi essere definitivamente posta con una somma cerimonia laddove essa ancora giace.
Nel 2021, si vuole quindi replicare questo viaggio con un treno-museo appositamente allestito e iniziative di ogni genere lungo la tratta[1].

Oltre a ciò, si intende coinvolgere il maggior numero possibile di giunte comunali italiani, affinché esse possano onorare il Milite Ignoto nel centenario dall’inumazione donandogli la cittadinanza onoraria[2]. Ci si augura naturalmente che quanti piú comuni possibili prendano parte a questa iniziativa – anzi, preghiamo i nostri lettori di contattare i propri sindaci in merito!

In quest’anno appena iniziato ma che già si annuncia essere non meno arduo di quello che lo ha preceduto, è di precipua importanza che uno dei maggiori simboli patri d’Italia sia adeguatamente onorato e ricordato; non vi è futuro alcuno per chi non affonda saldamente le proprie radici nel passato, e ricordare le eroiche gesta dei nostri avi, a prescindere dal contesto storico e politico della tragica guerra in cui avvennero, è diritto-dovere di ogni italiano. Esattamente come é diritto-dovere riscoprire la propria identitá.

La catena dell’identità che attraversa la storia, legando ogni generazione a quelle che l’hanno preceduta e a chi la seguirà oggi più che mai deve (ri)diventare il collante del nostro paese; non permettiamo agli ammaestratori del sistema, ai pennivendoli e ai debosciati di negare ciò che é nostro diritto: la nostra identità.
Non dobbiamo neanche sentirci oppressi di fronte all’immensitá di chi ci ha preceduto: non dobbiamo eguagliarne le gesta, dobbiamo semplicemente esserne degni.

«DEGNO FIGLIO DI UNA STIRPE PRODE E DI UNA MILLENARIA CIVILTÀ, RESISTETTE INFLESSIBILE NELLE TRINCEE PIÙ CONTESE, PRODIGÒ IL SUO CORAGGIO NELLE PIÙ CRUENTE BATTAGLIE E CADDE COMBATTENDO SENZ’ALTRO PREMIO SPERARE CHE LA VITTORIA E LA GRANDEZZA DELLA PATRIA»

XXIV – V – MCMXV            IV – XI – MCMXVIII
(Motivazione del conferimento della Medaglia d’Oro al Valor Militare al Milite Ignoto)

[1] https://www.avantionline.it/memoria-e-storia-parla-il-gen-aiosa-il-progetto-milite-ignoto-cittadino-ditalia-centenario-per-la-memoria-del-paese/

[2] https://www.movm.it/milite-ignoto-cittadino-ditalia-1921-2021/